Il decanter
Perché e quando utilizzarlo

Food&Wine 23 apr 2020

Il decanter è uno strumento necessario per la degustazione di vini di una certa importanza: è una sorta di grande ampolla in vetro o cristallo trasparente in cui versare il vino in modo da separarlo da eventuali sedimenti e per ossigenarlo, in modo che sprigioni al meglio tutto il suo bouquet aromatico.
Viene utilizzato sia con i vini rossi maturi che con i vini rossi giovani.
Con i vini rossi maturi, la decantazione serve per eliminare, in fase di degustazione, l’eventuale deposito naturale che si potrebbe essere creato in bottiglia a seguito del lungo invecchiamento. Inoltre, serve per permettere al bouquet aromatico del vino di sprigionarsi completamente dopo una corretta ossigenazione.
Con i vini rossi giovani, la decantazione serve solamente per quest’ultimo discorso: con una corretta ossigenazione si possono apprezzarne pienamente tutti gli aromi e i profumi molto più velocemente che se lo lasciassimo in bottiglia.

C’è però una differenza fra la decantazione di un vino invecchiato e quella di un vino giovane, che sta soprattutto nel modo in cui il vino va versato nel decanter.
Quando si trasferisce dalla bottiglia al decanter un vino maturo bisogna fare molta attenzione ed agire molto lentamente: un po’ per rispettare l’eventuale fragilità di un prezioso vino molto molto invecchiato, un po’ perché con questa operazione vogliamo lasciare nella bottiglia ogni possibile sedimento presente per avere, così, un vino perfettamente chiaro e brillante.
Quando invece versiamo nel decanter un vino giovane dobbiamo farlo letteralmente scrosciare, in modo che il processo di ossigenazione venga intensificato.




Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
vinidimontagna@castelsimoni.it